Area tematica e di approfondimento

Argomento Stato di attuazione della legge regionale 25 marzo 2019, n. 14 (Testo unico in materia di legalità, regolarità amministrativa e sicurezza) e della legge regionale 16 aprile 2015, n. 25 (Misure di prevenzione, solidarietà e incentivazione finalizzate al contrasto e all’emersione della criminalità organizzata e comune nelle forme dell’usura e dell’estorsione)
Abstract Nella seduta del 13 settembre viene aggiornata la commissione su quanto prodotto nella precedente legislatura con riferimento sia allo stato di attuazione della legge regionale 25 marzo 2019, n. 14 (Testo unico in materia di legalità, regolarità amministrativa e sicurezza) sia della legge regionale 16 aprile 2015, n. 25 (Misure di prevenzione, solidarietà e incentivazione finalizzate al contrasto e all’emersione della criminalità organizzata e comune nelle forme dell’usura e dell’estorsione)”; la l.r. 14/2019, come evidenziato dal dr. De Giosa e dal Dr. Venneri, rispettivamente ex Dirigente responsabile della Sezione Sicurezza cittadino, politiche per le migrazioni ed antimafia sociale e Segretario generale della Presidenza, ha visto l’elaborazione di un Piano triennale di prevenzione della criminalità e per il rafforzamento della responsabilità sociale, attuato dal Governo regionale con deliberazione n. 1036/2019 e l’avvio di un processo partecipativo articolato mediante l’ascolto delle istituzioni e della popolazione attraverso una Sezione del portale dedicato alla partecipazione. Il Testo Unico ha permesso l’avvio, nel corso dell’ultimo triennio, di progetti di finanziamento di antimafia sociale per circa 13 milioni di euro promuovendo partenariati con il terzo settore, le scuole e gli enti locali ed azioni utilizzando le misure del POR Puglia 2014-20. Vengono richiamati gli “Avvisi pubblici per la promozione della cittadinanza attiva e della cultura e della cittadinanza attiva e della responsabilità” relativi all’adozione dell’”Avviso Bellezza e legalità per una Puglia libera dalle mafie” e l’”Avviso dal bene confiscato al bene riutilizzato” in materia di beni immobili confiscati alla criminalità organizzata. Per quanto concerne l’attuazione della l.r. 25/2015, nel mese di settembre c.a. è stato dato parere favorevole, dalla IV Commissione, sullo schema di regolamento regionale in materia di sostegno alle vittime dell’usura e dell’estorsione e di funzionamento degli organismi. Il Dipartimento Sviluppo economico ha pubblicato n. 4 avvisi, nel periodo 2007-2011, per finanziare specifici fondi rischi in favore dei consorzi fidi e delle fondazioni operanti nel contrasto al fenomeno dell’usura; con riferimento all’emergenza pandemica sono state attivate misure urgenti in materia di contrasto al fenomeno dell’usura ed in data 8 aprile 2020, la Giunta, con provvedimento n. 515, ha definito dei nuovi indirizzi in materia di prevenzione, solidarietà e incentivazione finalizzati al contrasto ed all’emersione della criminalità organizzata e comune, nelle forme dell’usura e dell’estorsione, stabilendo un incremento dell’importo, da 50mila a 100 mila euro, dei fondi rischi speciali (garanzie per la successiva erogazione di prestiti) costituiti presso le fondazioni.
Sedute 13/09/2021

Contributi

Descrizione contributo Testo
Piano regionale Politiche per le Migrazioni
Piano triennale prevenzione della criminalità
Slide "Integrazione, legalità ed antimafia sociale"
Legge regionale 25/2015
legge regionale 14/2019
DGR 1297 del 04/08/2021 regolamento in materia di sostegno vittime usura
protocollo di intesa legalità
;